Monday , November 18 2019
Home / Stavros Mavroudeas Blog / LA TESI-TRUFFA DELLA FINAZIARIZZAZIONE di Stavros Mavroudeas – SOLLEVAZIONE

LA TESI-TRUFFA DELLA FINAZIARIZZAZIONE di Stavros Mavroudeas – SOLLEVAZIONE

Summary:
LA TESI-TRUFFA DELLA FINAZIARIZZAZIONE di Stavros Mavroudeas sollevazione.blogspot.com/2019/08/la-tesi-truffa-della-finaziarizzazione.html [ venerdì 30 agosto 2019 ] Un articolo duramente polemico questo di Stavros Mavroudeas, professore di Politica Economica presso l’università Panteion di Atene. Conoscemmo Stavros in Grecia come intellettuale e militante attivo della sinistra no-euro ellenica. Duramente polemico con tutti quegli economisti che parlando del capitalismo globale attuale, ritengono che la finanziarizzazione rappresenti un cambio strutturale del sistema capitalistico, un nuovo stadio del capitalismo. Stavros non solo non lo crede, ritiene che i «finanzialisti» gettino alle ortiche,  assieme all’analisi marxiana del modo capitalistico di produzione, la teoria del

Topics:
Stavros Mavroudeas considers the following as important: , , , , , ,

This could be interesting, too:

Stavros Mavroudeas writes A short unpublished commentary on the 2019 Kosovo elections

Stavros Mavroudeas writes COSA C’È DIETRO AL NUOVO PIANO DI SALVATAGGIO DELLA GRECIA di Stavros Mavroudeas 25/5/2016

Stavros Mavroudeas writes Εκδήλωση-Συζήτηση: “Οι ανάγκες μας πάνω απο τις επενδύσεις και τους δείκτες ανάπτυξης» – 7.30μμ πάρκο Αγ Νικολάου, Ηλιούπολη

Stavros Mavroudeas writes Crisi economiche e crisi dell’economia: L’economia politica come alternativa realistica e credibile – Stavros Mavroudeas

LA TESI-TRUFFA DELLA FINAZIARIZZAZIONE di Stavros Mavroudeas

LA TESI-TRUFFA DELLA FINAZIARIZZAZIONE di Stavros Mavroudeas – SOLLEVAZIONE
[ venerdì 30 agosto 2019 ]

Un articolo duramente polemico questo di Stavros Mavroudeas, professore di Politica Economica presso l’università Panteion di Atene. Conoscemmo Stavros in Grecia come intellettuale e militante attivo della sinistra no-euro ellenica.

Duramente polemico con tutti quegli economisti che parlando del capitalismo globale attuale, ritengono che la finanziarizzazione rappresenti un cambio strutturale del sistema capitalistico, un nuovo stadio del capitalismo. Stavros non solo non lo crede, ritiene che i «finanzialisti» gettino alle ortiche,  assieme all’analisi marxiana del modo capitalistico di produzione, la teoria del valore e della crisi di sovrapproduzione di Marx — finendo per recuperare la visione keynesiana e quella dei teorici marginalisti.
Negli anni, su SOLLEVAZIONE, abbiamo molto scritto sulla tematica.
Segnaliamo in particolare quattro brevi saggi: 
*  *  *

LE TEORIE FALLACI DEI FINANZIALISTI

di Stavros Mavroudeas

Di recente, mi sono imbattuto in un’intervista a Dick Bryan e Mike Rafferty per la rivista JACOBIN. L’intervista riguarda la loro analisi della finanziarizzazione.

L’intervista ha il titolo COME LA FINANZA CI SFRUTTA. Non è un caso che un libro sulla finanziarizzazione di Costas Lapavitsas abbia lo stesso titolo («Guadagnare senza produrre: come la finanza ci sfrutta tutti»). Questa somiglianza non è casuale ma denota elementi comuni più profondi delle diverse teorie della «finanziarizzazione». In particolare, come verrà mostrato di seguito, questo identico titolo mostra la loro comune partenza dalla teoria marxista dello sfruttamento del lavoro attraverso il lavoro verso una teoria dell’espropriazione attraverso l’usura nella distribuzione. Mostra anche la loro condivisa dissoluzione della classe lavoratrice in una massa interclassista di persone finanziariamente espropriate. Non sorprende che questa massa sia dominata dalla «classe media» (che è principalmente la piccola borghesia). 

LA TESI-TRUFFA DELLA FINAZIARIZZAZIONE di Stavros Mavroudeas – SOLLEVAZIONE
Costas Lapavitsas

Ciò che rende interessante questa intervista è che rivela sia le contraddizioni (non dialettiche) sia gli errori empirici non solo di Bryan e Rafferty ma dei «finanzialisti» in generale.

Bryan e gli altri. si propongono: (a) di innovare l’analisi economica marxista concentrandosi sulla finanza e (b) di avzìanzare una politica di classe sulla base della loro analisi. In tutti e due i casi essi falliscono completamente.

Per quanto riguarda il loro primo punto, considerano la finanziarizzazione — e in particolare i derivati finanziari (che si presume siano le differentiae specificae della loro teoria della finanziarizzazione) – come una nuova era del capitalismo. Sostengono che i derivati costituiscono un’innovazione rivoluzionaria nel XXI. secolo simile a quella della società per azioni nel XIX. secolo. C’è una prima inesattezza qui. I derivati finanziari nel capitalismo sono piuttosto vecchi. Anche la loro recente proliferazione ed espansione risale agli anni ’90.

Ma i problemi analitici del loro approccio sono persino maggiori delle loro imprecisioni empiriche. Adottano: (a) una comprensione neoclassica del profitto (come ricompensa per l’assunzione di rischi) e (b) un’enfasi keynesiana sulla liquidità. Entrambi sono estranei e incompatibili con il marxismo. Ma, per di più, sono errati in quanto hanno travisato l’effettivo funzionamento dell’economia capitalista.

Una concezione neoclassica:

il rischio come fonte di plusvalore

L’essenza della loro analisi è che il rischio (incorporato e gestito tramite derivati) è una fonte di plusvalore. Il seguente passaggio è caratteristico:

«Sosteniamo che l’assorbimento del rischio è un contributo al surplus di capitale».

È noto che il neoclassicismo giustifica il profitto come la ricompensa all’assunzione di rischi (imprenditoriali). Il marxismo ha svolto una critica devastante a questo errore.

Un prestito keynesiano: la liquidità

Keynes e la tradizione keynesiana fondarono la Teoria della preferenza per la liquidità – Liquidity Preference Theory). Con ciò si sostiene che la domanda di moneta non deriva

LA TESI-TRUFFA DELLA FINAZIARIZZAZIONE di Stavros Mavroudeas – SOLLEVAZIONE
Dick Bryan

dalla necessità di prendere in prestito denaro, ma dal desiderio di rimanere liquidi di fronte ai rischi futuri. Inutile dire che questa prospettiva può essere facilmente adattata alla concezione del rischio come fonte di profitti. Per questo motivo, la Teoria della preferenza per la liquidità è stata facilmente incorporata nella sintesi hicksiana di keynesismo e neoclassicismo e anche nelle successive teorie neoliberali (con modifiche significative).

Il marxismo ha una prospettiva totalmente diversa da quella. Il capitale (e non tutti, come sostengono sia i neoclassici che i keynesiani) ha la tendenza a cercare fluidità. Ciò significa che è in grado di spostarsi facilmente, in particolare in forma monetaria, da un’attività all’altra. Ma questa fluidità ha una marcia in più: il capitale vuole passare facilmente da un’attività all’altra perché cerca un profitto maggiore. E il profitto, per il marxismo, deriva dalla creazione di plusvalore (ovvero nuova ricchezza). Ciò costituisce una generica contraddizione del capitale. Da un lato, vuole passare liberamente da un’attività di produzione di plusvalore all’altra in cerca di rendimenti più elevati. D’altra parte, è obbligato a legarsi alla produzione di valore (e plusvalore) in specifiche attività produttive. La preferenza tra fluidità e «schiavitù produttiva» (productive bondage) dipende dalla redditività. In ogni caso, almeno una parte significativa del capitale, per produrre valore, è vincolato ala “schiavitù produttiva”. Naturalmente, le forme più fluide di capitale sono sostanzialmente quelle finanziarie.

Il tentativo di Bryan e gli altri di sposare rischio e liquidità con il marxismo è un fallimento totale. Il marxismo spiega il rischio e la liquidità con riferimento al valore e al profitto. Il marxismo ha un’analisi centrata sulla produzione mentre Bryan e C. adottano la prospettiva centrata sulla circolazione del neoclassicismo e del keynesismo. Vedi, ad esempio, il seguente passo:

«Quindi il capitale è diventato liquido, ma la forza lavoro rimane illiquida»

Per quanto riguarda il secondo scopo che Bryan e C. si prefiggono — cioè offrire una politica di classe per la «nuova era del capitalismo finanziario» — essi falliscono ancora di più. Primo, non hanno una teoria marxista delle classi. Le ultime parti della loro intervista sono indicative. Alla fine considerano le «classi» come categorie di reddito. E adottano il

LA TESI-TRUFFA DELLA FINAZIARIZZAZIONE di Stavros Mavroudeas – SOLLEVAZIONE
Mike Rafferty

termine fuorviante Mainstream non di classe di «famiglie» come categoria analitica. Queste sono le tipiche concezioni borghesi. Inutile dire che il marxismo ha una teoria delle classi totalmente diversa. Nonostante le loro smentite («Nel marxismo c’è un’avversione nel definire la classe in termini di reddito, ma in realtà non lo stiamo facendo»), in verità è proprio quello che stanno facendo. Il seguente passaggio è anche caratteristico:

“Questo ruolo di generatore di surplus raggiunge in modo significativo la «classe media»

Inoltre, nonostante la loro retorica di classe, dissolvono il lavoro in capitale siccome sostengono che il lavoro è diventato una forma di capitale, poiché la riproduzione del lavoro è diventata, con la «finanziarizzazione della vita quotidiana” una fonte di trasferimento di plusvalore sotto forma di pagamenti di interessi Con questa

LA TESI-TRUFFA DELLA FINAZIARIZZAZIONE di Stavros Mavroudeas – SOLLEVAZIONE
Rosa Luxemburg

formulazione, Bryan, Martin e Rafferty suggeriscono che esiste uno sfruttamento che non si limita al tempo di lavoro non retribuito ma si estende all’usura. Questo sfruttamento non riguarda solo il lavoro ma soprattutto le «classi medie». Il seguente passaggio ci dice infatti:

“Stiamo offrendo una prospettiva aggiuntiva sulla classe che produce surplus, estendendola al modo in cui le relazioni di classe vengono trasformate dal capitale. Abbiamo dimostrato che questo ruolo generatore di surplus raggiunge in modo significativo la «classe media».

Tipicamente, Bryan e C., nel loro studio empirico sull’Australia scoprono che non sono le persone a più basso reddito (una metafora per dire classe operaia) che sono soggette a questo nuovo meccanismo di sfruttamento capitalistico attraverso l’assorbimento del rischio da parte della famiglia ma le persone a medio reddito. Ancora una volta, il seguente passaggio afferma:

«Stiamo solo dicendo che se sei interessato al modo in cui l’assorbimento del rischio delle famiglie rende redditizio il capitale, e guardi dove viene assorbito questo rischio, scopri che non guadagni con le persone a reddito più basso perché esse sono escluse dalla finanza, perché non possono ottenere prestiti.
Non tutte le persone della classe operaia hanno un reddito basso, ciò che chiamiamo «classe operaia» rimane questionecontroversa, specialmente con l’ascesa di falsi contratti indipendenti (come la Gig economy). Stiamo offrendo una prospettiva aggiuntiva sulla classe che produce surplus, estendendola al modo in cui le relazioni di classe vengono trasformate dal capitale. Abbiamo dimostrato che questo ruolo generatore di surplus raggiunge in modo significativo la «classe media».

Quindi, alla fine e nonostante la loro dettagliata «politica di classe», la strampalata teoria del valore e le dichiarazioni operaiste — «il capitale che ruba lavoro spostando il rischio in senso distributivo»), Bryan e C.,. si finisce per riconoscere che è la «classe media» che viene sfruttata principalmente in questa nuova era del capitalismo finanziario. Bel finale per i nuovi guerrieri di classe !!!

Il programma politico che propongono è totalmente idiota. Il «mancato pagamento strategico delle fatture che sono state cartolarizzate» è una questione di esperti finanziari, ma non la questione centrale dei sindacati dei lavoratori. Il rifiuto di rimborsare l’affitto è stata una modalità tradizionale delle lotte dei lavoratori e non è una novità. Tuttavia, questo programma politico idiota ha una conseguenza veramente catastrofica per il movimento operaio. Rimuove il suo obiettivo principale di lottare nella sfera della produzione e del lavoro e lo traspone a problemi distributivi tra le classi. Inoltre, come Bryan e C.,. ammettono, questi problemi riguardano principalmente la «classe media». Pertanto, pongono essenzialmente la classe operaia al servizio delle richieste della classe media. Un bel consiglio ai sindacati che Bryan e C. cercano di guidare !!!

Il resto dell’intervista è pieno di errori minori.

Vedi ad esempio la dichiarazione idiota secondo cui «Dato che le famiglie stanno dove si trova la maggior parte della ricchezza». Ciò non è sostenibile nemmeno in termini neoclassici.

Un altro errore palese commettono Bryan e C.,. la comprensione del valore della forza lavoro. Il valore della forza lavoro non è «sostanzialmente sussistenza» in quanto

LA TESI-TRUFFA DELLA FINAZIARIZZAZIONE di Stavros Mavroudeas – SOLLEVAZIONE
Stavros Mavroudeas

comprende anche una parte sociale. E, naturalmente, la loro tesi secondo cui «la sussistenza riguarda l’illiquidità familiare» è totalmente assurda.

Il nuovo riformismo della finanziarizzazione

Gli errori di Bryan e C. riguardo alla teoria della finanziarizzazione sono tipici della contemporanea razza del Nuovo Riformismo della Finanziarizzazione. Questo nuovo riformismo viene da molte parti. Il post-keynesismo coi suoi compagni di viaggio marxistoidi (Lapavitsas, Bryan ecc.) è una corrente. Un altra viene dal Rosa Luxemburg Institute con M. Heinrich ecc. D. Harvey è una specie a sé stante poiché prende da tutti le loro perle teoriche con sorprendente leggerezza e altrettanto sorprendente mancanza di coerenza economica.

Non sorprende che i temi comuni di questo nuovo riformismo della finanziarizzazione siano i seguenti.

In primo luogo, spostano l’analisi marxiana della centralità della produzione nel circuito di capitale verso la prospettiva circolazionista mainstream. La finanza diventa il luogo centrale di questo circolarismo.

In secondo luogo, deformano il concetto di sfruttamento capitalista spostandolo dalla estrazione nella sfera di produzione allo sfruttamento nella distribuzione. Questa mossa è stata fatta anche in passato dalle teorie marx-keynesiane (o piuttosto viceversa).

LA TESI-TRUFFA DELLA FINAZIARIZZAZIONE di Stavros Mavroudeas – SOLLEVAZIONE

Tuttavia, questa volta c’è un nuovo elemento. Lo sfruttamento nella distribuzione viene condotto non solo attraverso meccanismi economici ma, in larga misura, attraverso la coercizione politica. Ciò è meno evidente in un’economia in quanto l’usura è il meccanismo di sfruttamento finanziario. Tuttavia, come Bryan e C. affermano in questa intervista, lo stato svolge un ruolo cruciale nella creazione di questo meccanismo. Questo meccanismo politico primario è più evidente nella fallace teoria del nuovo imperialismo.

Terzo, offuscano la loro analisi di classe dissolvendo la classe lavoratrice all’interno dei ceti medi. Ciò facendo, abbandonano la teoria marxista delle classi. Quindi, finiscono per sostituire la classe lavoratrice con una brodaglia sociale quasi post-moderna (che ricorda la «moltitudine» di Negri).

In quarto luogo, negano l’esistenza di una teoria marxiana della crisi (per non parlare di quella basata sulla caduta della redditività) e sostengono che possono esserci molti tipi di crisi (alcuni sostengono addirittura che ogni crisi è un caso speciale). Ma praticamente vedono ogni crisi moderna come una crisi finanziaria; quindi, d’accordo con i Mainstreamer.

In quinto luogo, in termini politici praticamente abbandonano il socialismo a favore di un vago anticapitalismo. Invece di essere indipendenti dall’organizzazione politica borghese della classe operaia, preferiscono i programmi populisti interclassisti che esprimono principalmente le esigenze della media e piccole borghesia. Il fine ultimo non è il socialismo ma un capitalismo umano riformato. 

** Traduzione a cura della Redazione

Stavros Mavroudeas
He is currently Professor of Political Economy at the Department of Social Policy of Panteion University. He was previously Professor of Political Economy at the Department of Economics of the University of Macedonia. He studied at the Economics Department of the National Kapodistriakon University of Athens, from where he received his BA Economics (1985 - First Class Honours).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *