Tuesday , June 18 2024
Home / Lars P. Syll / Perché la trasformazione del capitalismo è necessaria

Perché la trasformazione del capitalismo è necessaria

Summary:
Perché la trasformazione del capitalismo è necessaria Il capitalismo è un sistema economico affermatosi negli ultimi due secoli e mezzo in questa parte del mondo. Un sistema che per consolidarsi ha plasmato la società e la politica, creando un ordine sociale. Il ruolo principale dell’economia teorica dominante (mainstream) è stato quello di fornire un’apologia di un ordinamento sociale spacciato per naturale, ma che è stato in grado di generare crisi ricorrenti, profondi disagi sociali e danni alla biosfera. La “naturalità” viene oggi usata come giustificazione per adagiarci sull’esistente, mentre è chiaro che occorre riformare il modo di produrre così da intervenire sulle crisi, le disuguaglianze e, con urgenza, sulla salvaguardia della natura. Occorre

Topics:
Lars Pålsson Syll considers the following as important:

This could be interesting, too:

tom writes The military-industrial complex as a variety of capitalism and threat to democracy: rethinking the political economy of guns versus butter

Lars Pålsson Syll writes In praise of pluralism

Lars Pålsson Syll writes MMT — the key insights

Lars Pålsson Syll writes The deficit myth

Perché la trasformazione del capitalismo è necessaria

Perché la trasformazione del capitalismo è necessariaIl capitalismo è un sistema economico affermatosi negli ultimi due secoli e mezzo in questa parte del mondo. Un sistema che per consolidarsi ha plasmato la società e la politica, creando un ordine sociale. Il ruolo principale dell’economia teorica dominante (mainstream) è stato quello di fornire un’apologia di un ordinamento sociale spacciato per naturale, ma che è stato in grado di generare crisi ricorrenti, profondi disagi sociali e danni alla biosfera. La “naturalità” viene oggi usata come giustificazione per adagiarci sull’esistente, mentre è chiaro che occorre riformare il modo di produrre così da intervenire sulle crisi, le disuguaglianze e, con urgenza, sulla salvaguardia della natura. Occorre una transizione economica verso un sistema produttivo che rispetti la natura, la società e si curi del benessere più che della crescita del Pil, senza chiedersi come, per chi e a quale costo.

ll libro di Ardeni e Gallegati rappresenta un gradito contributo alla letteratura critica che cerca di comprendere a fondo cosa significhi il capitalismo e perché ‘mainstream economics’, con il suo metodo matematico-assiomatico-deduttivo alienato dalla realtà, anziché aiutarci in questo, abbia reso questa analisi più difficile. Prendete e leggete!

C’è molto nel libro che mi piace, ma purtroppo ci sono anche alcune lacune che trovo abbastanza significative.

Lasciami prendere due esempi per chiarire la mia critica.

(1) Nel capitolo che tratta delle ricorrenti crisi economiche e finanziarie del capitalismo, sia John Maynard Keynes che Hyman Minsky brillano per la loro assenza. Così anche Charles Kindleberger. Trovo ciò insoddisfacente poiché pochi, se non nessuno, hanno fatto di più per aiutarci a spiegare le crisi ricorrenti.

Manias, Panics and Crashes: A History of Financial Crises | SpringerLinkI rappresentanti della teoria economica dominante (mainstream economics) sembrino non voler imparare dalla storia e siano stati relativamente impotenti di fronte alle devastazioni dell’attuale crisi economica che si sta verificando in tutto il mondo. In particolare, le esperienze della grande depressione durante gli anni tra le due guerre dovrebbero essere illuminanti.

Il fatto che la teoria economica neoclassica fosse impreparata quando questa crisi esplose alla fine degli anni ’20 potrebbe non essere così sorprendente se si considera come appariva la teoria consolidata all’epoca. L’assunto centrale era che l’offerta creava la propria domanda. Se gli investimenti fossero stati eccessivi rispetto alla domanda, si alzava il tasso di interesse e le persone richiedevano meno prestiti e risparmiavano di più. Il tasso di interesse era uno strumento sensibile con cui si poteva raggiungere l’equilibrio tra investimenti e risparmi.

Come dimostrava soprattutto lo sviluppo degli anni ’30, la produzione in un’economia moderna non poteva essere considerata un dato di fatto. Quando i prezzi cominciavano a scendere, diminuiva anche l’occupazione e la produzione. Gli economisti ortodossi interpretarono ciò come conseguenza di salari troppo rigidi. Se solo si potesse aumentare la flessibilità salariale, l’idea era che la disoccupazione sarebbe scomparsa e la produzione avrebbe aumentato. Da un’analisi puramente microeconomica dei comportamenti razionali degli individui, si concludeva che la disoccupazione involontaria non era possibile se i salari scendevano abbastanza rapidamente.

Quando la depressione colpì il mondo industriale degli anni ’30, si scoprì che la teoria ortodossa non era di grande aiuto nel superare la situazione. L’economista britannico John Maynard Keynes ritenne necessario sviluppare una nuova teoria che sfidasse la verità consolidata. Nella General Theory (1936) presentò la sua alternativa.

Perché la trasformazione del capitalismo è necessariaL’attacco di Keynes alla teoria ortodossa si concentrò principalmente sul suo fondamento teorico della moneta. Secondo Keynes, le persone tenevano liquidità sia perché avevano un motivo per mantenere una certa disponibilità di pagamento sia perché potevano avere anche motivi speculativi. Se il tasso di interesse fosse basso e ci si aspettasse che aumentasse in futuro, c’erano solitamente buoni motivi economici per avere una forte preferenza per la liquidità e “risparmiare sotto il materasso”.

Per Keynes, l’incertezza sul futuro e l’incompletezza delle conoscenze sono condizioni inderogabili per le decisioni reali e il valore del tempo. Ed è qui che assume rilevanza cruciale il denaro. Se non sappiamo cosa riserva il futuro, cerchiamo di proteggerci in vari modi e magari rimandiamo le decisioni. Se siamo incerti sui rendimenti di un investimento previsto, potremmo scegliere di mantenere i nostri mezzi in forma liquida – denaro – e rimandare la decisione di investimento al futuro quando l’incertezza potrebbe essere diminuita. Scegliere di mantenere i propri asset in forma di denaro significa rimandare decisioni che oggi si percepiscono come troppo rischiose a un futuro, si spera, meno incerto. Invece di fare un investimento sbagliato oggi, si spera di fare un investimento redditizio domani. E nel frattempo conserviamo o investiamo i nostri soldi in banca. Ciò crea una maggiore libertà per l’individuo, ma purtroppo aumenta anche i rischi economici, soprattutto a livello sociale.

L’incertezza influenza doppiamente gli investimenti. Direttamente, facendo sì che l’investitore sia meno incline a scommettere su un progetto incerto, e indirettamente, aumentando i tassi di interesse e riducendo quindi gli investimenti. Per Keynes, i casi in cui l’incertezza è elevata sono i più interessanti perché questa incertezza di solito riduce l’attività di investimento e contribuisce quindi ad aggravare i problemi occupazionali. In tali situazioni, gli investitori tendono spesso a mantenere i loro asset sotto forma di denaro. La nostra inclinazione a tenere i soldi funziona in questo senso come una sorta di indicatore di quanto fiduciosi siamo nelle nostre aspettative future. Più ci sentiamo insicuri, più alto è il premio che richiediamo per separarci dai nostri soldi. Il tasso di interesse è un misuratore di quanto sia grande questo premio. La preferenza per la liquidità che gli individui hanno di solito è sostanzialmente dovuta all’incertezza riguardo all’andamento futuro dei tassi di interesse e deve essere compensata in qualche modo se vogliamo rinunciare ad essa.

Le decisioni di investimento dipendono in gran parte dalla relazione tra la produttività marginale del capitale e il tasso di interesse. Se il tasso di interesse è più alto del rendimento atteso futuro del capitale investito, si evita di investire. Il problema degli investimenti è che sono sensibili alle aspettative aziendali e alle valutazioni future e che i cambiamenti in queste possono neutralizzare molto rapidamente gli effetti di eventuali cambiamenti nei tassi di interesse. Pertanto, non è certo che un aumento della massa monetaria con conseguente riduzione dei tassi di interesse porti a un aumento degli investimenti. Lo Stato deve quindi giocare un ruolo più attivo nella creazione di una maggiore domanda effettiva che possa creare lavoro e prosperità.

L’analisi di Keynes mostra con forza che la politica monetaria degli economisti ortodossi è uno strumento troppo grossolano per affrontare i problemi più fondamentali del sistema economico e i problemi congiunturali. Ciò che è ancora peggiore è che, quando la trappola della liquidità si chiude durante la recessione, nessun abbassamento dei tassi di interesse può aiutare. Anche se la politica monetaria dovesse portare a un calo dei tassi di interesse, le aspettative future pessimistiche del mondo degli affari potrebbero neutralizzare efficacemente i suoi effetti. Per uscire dalla recessione e dalle depressioni economiche, sono necessari strumenti più affilati ed efficienti. È necessaria una politica fiscale attiva se non si vuole che la disoccupazione di massa rischi di sfociare in uno sviluppo completamente incontrollabile.

Se guardiamo alla crisi in cui l’economia mondiale si trova più o meno dal 2008, vediamo che il modello dominante è lo stesso di questa e di altre crisi. Per qualche motivo, si verifica uno spostamento (epidemie, guerre, innovazioni, nuove regole del gioco, ecc.) nel ciclo economico che porta a cambiamenti nelle opportunità di profitto delle banche e delle imprese. La domanda e i prezzi aumentano e coinvolgono sempre più parti dell’economia, che finiscono in una sorta di euforia. Sempre più persone si uniscono e presto la mania delle speculazioni – che si tratti di bulbi di tulipano, immobili o prestiti ipotecari – diventa un fatto. Prima o poi qualcuno vende per incassare i propri profitti e scatta una corsa alla liquidità. È ora di scendere dalla giostra e incassare i propri titoli e altri beni liquidi. Si verifica un’emergenza finanziaria e si diffonde. I prezzi cominciano a diminuire, le bancarotte aumentano e la crisi si accelera e si trasforma in panico. Per evitare il crollo finale, il credito viene stretto e si comincia a invocare un prestatore che possa garantire l’accesso ai mezzi liquidi richiesti e ripristinare la fiducia. Se ciò non riesce, il crollo è inevitabile.

Il più grande teorico delle crisi finanziarie dei nostri tempi, Hyman Minsky, aveva come idea portante nei suoi lavori che le crisi sono fenomeni endogeni (interni al sistema), dove la stabilità crea instabilità e margini di sicurezza ridotti per le transazioni finanziarie con effetti di leva eccessivi. Durante la fase di crescita delle bolle finanziarie, i margini di sicurezza si riducono e anche il più piccolo contrattempo può portare a delusioni e costringere le imprese e gli investitori a rivedere i loro piani per poter far fronte ai propri “impegni di flusso di cassa”. Il risultato può essere la necessità di vendere attività, contribuendo a un processo di deflazione del debito con oneri reali sempre maggiori e problemi nel risolvere i problemi di liquidità attraverso la vendita di attività.

Secondo Minsky, questi sono processi inevitabili. “La stabilità crea instabilità”, anche senza euforie ed ottimismi eccessivi. Durante la fase di crescita, le pratiche di prestito delle banche vengono confermate e convalidano anche i progetti più rischiosi. In conformità con il pensiero a cascata di informazioni, otteniamo una logica in cui ciò che inizialmente sembrava rischioso alla fine viene percepito come del tutto sicuro. Le banche diventano sempre più sicure di sé.

La securitizzazione ha comportato la sostituzione della valutazione del credito tradizionale con valutazioni del credito eseguite da agenzie di rating prive di conoscenze di prima mano sui mutuatari. Questo si basa su una sorta di stocasticizzazione delle valutazioni, dove invece di partire dalla storia creditizia di ciascun mutuatario si cerca di considerare i mutuatari come realizzazioni casuali di un mutuatario “rappresentativo” con rischi che seguono una curva di distribuzione normale con media e variazione date. Ma se i mutuatari reali non mostrano il grado di omogeneità su cui si basa tale procedura statistica, i difetti della costruzione del modello diventano evidenti. Quando il rischio si rivela essere “coda grassa”, l’intenzione di ridurre e distribuire i rischi si trasforma nel suo opposto. Il problema è che questo non diventa davvero evidente fino a quando la crisi è pienamente sviluppata e il mutuatario “rappresentativo” si trova in difficoltà. Gli asset che le banche hanno cercato di spostare fuori dal bilancio attraverso la securitizzazione riappaiono quando gli istituti creati al di fuori del bilancio sono costretti a chiedere aiuto per risolvere problemi di liquidità urgenti.

La crisi mostra quanto siano sistematicamente inadeguate le valutazioni del credito nel sistema finanziario odierno. Una delle cause fondamentali è che coloro che assumono i rischi non sono più responsabili della valutazione della capacità dei mutuatari di sostenere i loro costi. Gli strumenti che i rappresentanti stessi del mercato finanziario solitamente affermano essere stati creati per distribuire il rischio in modo ottimale tra i diversi attori non riescono a svolgere il proprio compito quando non esiste un meccanismo credibile per valutare i rischi. Nemmeno sul fiore all’occhiello del capitalismo, i mercati finanziari, si riesce a ridurre l’incertezza genuina dell’economia a rischi stocastici gestibili (i processi stocastici sono quelli che si verificano quando lanciamo una moneta e sappiamo che i risultati saranno sicuramente testa o croce, e dove la casualità fa sì che, con lanci ripetuti, abbiamo la stessa probabilità di ottenere testa o croce). Se i titoli e gli altri asset vengono valutati in base ai rischi stimati con ipotesi che valgono per modelli di distribuzione normale stocastica, questi prezzi non potranno mai essere migliori delle ipotesi del modello su cui si basano. In tempi normali possono forse fornire approssimazioni accettabili, ma quando le bolle crescono e il futuro non assomiglia affatto alla storia (le economie non sono sistemi ergodici nel senso statistico, dove i processi rimangono immutabilmente gli stessi nel tempo), il risultato è una crisi.

La crisi ha le sue radici in parte in un sistema finanziario che sottovaluta sistematicamente i rischi e sopravvaluta la solvibilità creditizia. L’instabilità finanziaria che Minsky sosteneva pervadere i mercati finanziari non può essere eliminata del tutto. Tuttavia, possiamo assicurarci di introdurre normative e istituzioni che minimizzino gli effetti dannosi.

È ovviamente difficile per la teoria neoclassica convenzionale spiegare le crisi finanziarie. Spesso l’explicatio si riduce a speculazioni temerarie di “noise traders” irrazionali. In realtà, la causa è che non disponiamo di informazioni perfette su come sarà il futuro e sono proprio le aspettative future a guidare il mercato finanziario. La speculazione consiste nel cercare di anticipare come queste aspettative future si svilupperanno sul mercato. Questo è difficile da fare – la psicologia di mercato è difficile da comprendere – e spesso porta a rapidi cambiamenti sul mercato e comportamenti simili a un effetto domino in cui le aspettative su cosa pensano gli altri speculatori hanno un ruolo più importante dei fondamenti dell’economia. Le crisi sono essenzialmente endogene e non esogene (fallimenti informativi, irrazionalità, ecc.). Le crisi finanziarie non sono anomalie, ma piuttosto elementi possibili e attesi in un mondo economico genuinamente incerto.

La principale lezione che la teoria delle crisi finanziarie e l’esperienza storica ci danno è che le crisi finanziarie ricorrenti sono parte integrante della natura del nostro sistema economico. Non dipendono solo da una serie di coincidenze e valutazioni errate. Sono il risultato delle instabilità più profonde e a lungo termine che caratterizzano il sistema finanziario stesso e costituiscono una fonte di instabilità e crisi dell’economia.

John Maynard Keynes | SpringerLink Cosa possiamo fare quindi per ridurre al minimo il rischio di future crisi e prevenire un completo blocco dell’economia? Ciò di cui abbiamo bisogno ora è un’azione illuminata basata su teorie economiche rilevanti e realistiche come quelle sostenute da Keynes e Minsky.

Il pericolo imminente è che non si riesca a rilanciare il consumo e il credito. La fiducia e la domanda effettiva devono essere ripristinate. E credo che dovremmo capire che non possiamo avere sia la torta che mangiarla. Finché avremo un’economia con mercati finanziari non regolamentati, continueremo ad affrontare crisi periodiche. Ciò non significa che dobbiamo restare con le mani in mano e aspettare che il temporale passi. Regolamentazioni finanziarie più stringenti e maggiore trasparenza possono contribuire attivamente a ridurre nel lungo termine i rischi di costose crisi del sistema finanziario. Se, al contrario, rifiutiamo automaticamente di vedere l’entità dei problemi, ci ritroveremo di nuovo impreparati quando si presenterà la prossima crisi.

(2) Nel periodo post-bellico — come anche gli autori argomentano con enfasi — è diventato sempre più chiaro che la crescita economica non ha portato solo a una maggiore prosperità. L’altro lato della crescita, sotto forma di inquinamento, contaminazione, spreco di risorse e cambiamenti climatici, è emerso come forse la sfida più grande del nostro tempo.

Contrariamente alla visione della teoria dominante sull’economia come un sistema equilibrato e armonioso, in cui la crescita e l’ambiente vanno di pari passo, gli economisti ecologici sostengono che può piuttosto essere caratterizzato come un sistema instabile che consuma energia e materia a un ritmo accelerato, minacciando così la base stessa della sua sopravvivenza.

Perché la trasformazione del capitalismo è necessariaPurtroppo gli autori non menzionano una delle opere più importanti del XX secolo che discute proprio questa questione. Il economista rumeno-americano Nicholas Georgescu-Roegen (1906-1994) argomentò nel suo epocale libro The Entropy Law and the Economic Process (1971) che l’economia era in realtà un gigantesco sistema termodinamico in cui l’entropia aumenta inesorabilmente e la nostra base materiale scompare. Se scegliamo di continuare a produrre con le tecniche che abbiamo sviluppato, allora la nostra società e la terra scompariranno più rapidamente che se introdurremo produzioni su piccola scala, tecnologie che risparmiano risorse e consumi limitati.

Seguendo Georgescu-Roegen, gli economisti ecologici hanno argomentato che la società industriale porta inevitabilmente a un aumento dell’inquinamento ambientale, a una crisi energetica e a una crescita insostenibile.

Dopo un dibattito radiofonico con uno dei membri del comitato del premio Nobel, ‘yours truly’ chiese perché Georgescu-Roegen non avesse ricevuto il premio. La risposta è stata — mirabile dictu — che lui “non ha mai fondato una scuola”. Parlare di assurdità! Sono rimasto sorpreso, per dir poco, e mi sono chiesto se avesse sentito parlare del movimento ambientalista. Beh, l’aveva sentito — ma era “il tipo sbagliato di scuola”. Si può forse affermare in modo più chiaro di così di cosa si tratta? Se non hai lavorato all’interno del paradigma dominante — allora sei escluso a priori dall’essere idoneo per il Premio Nobel per l’Economia.

Oggi abbiamo davvero bisogno di riconsiderare come guardiamo a come la nostra economia influisce sull’ambiente e sui cambiamenti climatici. E dobbiamo farlo in fretta. Nicholas Georgescu-Roegen ci offre un buon punto di partenza per farlo!

Ma — come detto, anche se si possono sollevare obiezioni qua e là nel libro, ciò non toglie l’impressione che il libro di Ardeni e Gallegati sia un’opera molto interessante e degna di essere letta, che non posso fare altro che raccomandare.

Lars Pålsson Syll
Professor at Malmö University. Primary research interest - the philosophy, history and methodology of economics.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *